Sei un azienda agricola che vuole raccontare la sua storia?

Contattaci, scriveremo un articolo sulla tua realtà imprenditoriale.

Olio, ciliegie o”vastedda”: nasce il Bio-Distretto “Borghi sicani”

Nato nel 2017 su iniziativa del Comune di Sambuca di Sicilia e di un gruppo di produttori locali, il Bio-distretto è un’associazione tra imprese profit e pubbliche amministrazioni a cui aderiscono tra le provincie di Agrigento e Palermo, i comuni di Sambuca, come ente capofila, Contessa Entellina, Chiusa Sclafani, Bisacquino, Giuliana, Santa Margherita Belìce, Montevago, Menfi e Sciacca. Lo scopo è difendere e diffondere una nuova immagine di sviluppo fondata sul biologico e sull’eco-sostenibilità

Nel cuore della Sicilia sud-occidentale tra il Belìce e i Sicani nasce il Bio-Distretto “Borghi Sicani” per difendere e diffondere una nuova immagine di sviluppo fondata sul biologico e sull’eco-sostenibilità. Il Bio-distretto valorizza le produzioni locali e le filiere di tipicità in un’area naturalmente vocata al biologico aprendosi ad altri settori come quello della ristorazione, del turismo e dell’intrattenimento culturale in un’ottica esperienziale.

Nato nel 2017 su iniziativa del Comune di Sambuca di Sicilia, in provincia di Agrigento e di un gruppo di produttori locali, il Bio-Distretto è un’associazione tra imprese profit e pubbliche amministrazioni a cui aderiscono tra le provincie di Agrigento e Palermo, i comuni di Sambuca, come ente capofila, Contessa Entellina, Chiusa Sclafani, Bisacquino, Giuliana, Santa Margherita di Belìce, Montevago, Menfi e Sciacca, con circa cinquanta aziende tra le realtà agroalimentari più importanti della zona, tra cui aziende agricole e cantine vitivinicole, oleifici, caseifici e produttori di grani antichi, aziende di trasformazione e un consorzio.

Le aziende del Bio-Distretto "Borghi sicani"

Sono rappresentate tutte le filiere principali, latte, vino, olio e grano. Ma ci sono anche ciliegie, miele e formaggi, mandorle ed erbe officinali. Tra le aziende che aderiscono ci sono Antico Frantoio di Antonella Murgia e Salvatore Lamanno con il loro olio e i vini – Antico Frantoio è azienda capofila dell’associazione alla base del Distretto oltre che alla presidenza del Bio-Distretto – i vini dell’azienda Entellano di Luca Colletti, e i Filari della Rocca di Ciro Benanti con i suoi vini, olio e mandorle.

C’è l’azienda agricola MandorladiaBio di Vincenzo Giglio con le sue mandorle e ancora la pasta di grani antichi e farina dell’azienda Altamore. Ci sono il miele e le mandorle dell’azienda Gaudiano di Maria Luisa Crapa e le Prelibatezze del Feudo Pollichino: la vastedda del Belìce, i formaggi e la ricotta. Ancora la cooperativa agricola La Goccia D’oro e l’azienda dei Fratelli Perricone con le loro marmellate, le composte, l’olio e gli aromi prodotti dalle erbe officinali, come l’origano biologico, e delle confetture.

Il sistema produttivo dell’area dei Sicani e del Belìce possiede diversi punti di forza riconducibili alle filiere del vino, dell’olio e alla filiera lattiero-casearia. In particolare quella del vino ha delle produzioni DOC e IGT tra le migliori in Italia – le vaste estensioni di territorio collinare hanno delle caratteristiche pedoclimatiche e morfologiche ideali per coltivazione della vite. La filiera dell’olio vanta importanti produzioni DOP e IGP mentre quella lattiero-casearia conta prodizioni di qualità certificata come la vastedda del Belìce e la ricotta ovina ricavate dalla pecora “valle del Belìce”, tra le migliori razze ovine d’Italia per la produzione del latte.

I settori olivicolo e vitivinicolo sono in forte crescita, come dimensione aziendale, qualità imprenditoriale e sul piano occupazionale con la presenza di aziende leader nel mercato nazionale e internazionale che hanno attivato un significativo indotto: dalle produzioni metalmeccaniche al vetro delle bottiglie, alle attrezzature per l’irrigazione. Mentre il settore olivicolo si è concentrato in diversi frantoi che assorbono l’intera produzione locale di olive chiudendo la filiera con l’imbottigliamento e la commercializzazione.

Nell’area su cui insiste il Bio-Distretto “Borghi sicani” ci sono due modelli produttivi principali: da una parte un’agricoltura di base, come semplice produzione di beni primari, fatta per lo più di imprese individuali, con conduttore in età avanzata o in regime di “doppio lavoro”, e con scarsa o del tutto assente visione imprenditoriale. Dall’altra, un’agricoltura che si è saputa reimpostare in ottica multifunzionale grazie ad una seconda generazione di imprenditori giovani spesso con studi universitari di settore alle spalle. In questa visione l’agricoltura non è vista come un settore chiuso a sé, ma come un’attività da cui si dipartono diversi tipi di filiere che creano reddito e coniugano prodotto tipico, patrimonio paesaggistico e tradizione culturale.

Le etichette di qualità e la presenza sul territorio

Marchio di garanzia del biologico di AIAB (Associazione Italiana Agricoltura Biologica. Il più importante rappresentante del movimento biologico italiano, con più di 7.000 soci e con una serie di attività, tra cui i marchi di qualità e il Bio-distretto, che mettono in rete produttori, tecnici e cittadini-consumatori) e marchio Slow Food. Il Bio-Distretto si avvale di una doppia etichettatura di qualità. Tra i suoi obiettivi, oltre al contatto con le scuole e alla partecipazione a fiere sia in Italia che all’estero, c’è un calendario di eventi sul territorio in collaborazione con altre associazioni o spettacoli all’interno delle aziende socie.

Nel sito dedicato“Biomercatosicilia.com” si possono acquistare i prodotti di tutte le aziende aderenti al Bio-distretto "Borghi sicani".

Articoli Recenti

parco_sommerso_baia

Immersioni, le 10 mete più belle d’Italia: Ustica al top

Sono destinazioni alla portata di viaggiatori residenti in territori attigui, in cerca di destinazioni confortevoli ma non per questo meno entusiasmanti: le mete del turismo di prossimità sono sempre più “attuali” e non soltanto a causa della pandemia. Sono sempre di più, infatti, i viaggiatori …

Tusa (foto Ansa)

Bandiere Blu 2022, sono 11 in Sicilia le spiagge premiate

Sono destinazioni alla portata di viaggiatori residenti in territori attigui, in cerca di destinazioni confortevoli ma non per questo meno entusiasmanti: le mete del turismo di prossimità sono sempre più “attuali” e non soltanto a causa della pandemia. Sono sempre di più, infatti, i viaggiatori …